LOADING

Type to search

Aforismi Top News

Il bene pieno di sé di donna Prassede

Share

“Un aforisma al giorno toglie il medico di torno”

«ERA DONNA PRASSEDE UNA VECCHIA GENTILDONNA MOLTO INCLINATA A FAR DEL BENE: MESTIERE CERTAMENTE IL PIÙ DEGNO CHE L’UOMO POSSA FARE; MA CHE PURTROPPO PUÒ ANCHE GUASTARE, COME
TUTTI GLI ALTRI»

(Alessandro Manzoni – I promessi sposi)

Ne I promessi sposi Manzoni ci ha dipinto con grande penetrazione psicologica prototipi umani come Agnese, Perpetua, don Abbondio, l’Innominato e fra’ Cristofaro, ma la sua rappresentazione più graffiante è stata certamente quella di donna Prassede, un fenotipo che, ahinoi, incontriamo ancora oggi e che fa tutt’altro che bene al prossimo, benché se lo proponga. Molte persone di gran cuore, infatti, hanno smesso, sbagliando, di frequentare le strade del bene soltanto perché vi si incontrano soggetti ipocriti e bigotti “alla donna Prassede”, convinti di avere l’esclusiva del bene e la missione di doverlo imporre al prossimo.

Personaggi siffatti, in realtà, non credono in Dio o meglio ne hanno un’idea piuttosto meschina perché, mentre per la morale cattolica l’uomo può liberamente scegliere tra due strade, quella del bene e quella del male, nell’universo morale di donna Prassede esisteva una terza strada: quella sua.

E quante persone hanno allontanato dalla Chiesa, quante cascate di lacrime hanno fatto versare all’umanità personaggi convinti di stare a realizzare il “bene” come la donna Prassede manzoniana!

Potrebbe interessarti anche I folli che vorrebbero distruggere cultura, civiltà e sentimenti

Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Next Up