LOADING

Type to search

Top News

Il presidente del Parlamento Europeo contesta il Parlamento Europeo

Share
Pare che il presidente del Parlamento Europeo, Davide Sassoli, non sappia che la II Guerra Mondiale scoppiò anche per la diretta responsabilità dell’Unione Sovietica che il 1° settembre del 1939 invase da Est la Polonia mentre Hitler la faceva a pezzi avanzando da Ovest. E pare anche non sappia che la Russia comunista osteggiò la nascita di quella che allora si chiamava soltanto Comunità Europea
– Silvio Cortina Bascetto –

L’ex giornalista Davide Sassoli, a proposito della risoluzione votata dal Parlamento Europeo (del quale è presidente …) che ha equiparato il comunismo al nazismo, durante l’intervista concessa all’Anpi – Patria Indipendente, ha rilasciato una dichiarazione dopo la quale dovrebbe avere la coerenza almeno di dimettersi: «Senza l’impegno e sacrificio delle formazioni partigiane comuniste e dell’Unione Sovietica nella liberazione dell’Europa dal nazifascismo non avremmo avuto la possibilità di dar vita alla più straordinaria avventura di pace e democrazia che si chiama Unione Europea».

Balla colossale!

In primo luogo vorrei ricordare al presidente del parlamento UE che il comunismo applicato nacque prima del nazifascismo e che, ancora oggi, sarebbe impossibile elencare le nefandezze commesse dai “compagni” in Russia mediante una feroce guerra civile e una sistematica pulizia di classe, in quei campi di concentramento che si chiamavano gulag invece che lager. E che cosa dire dei vecchi professori “borghesi” da essi mandati a spalare la neve con temperature di -20°, con la razione alimentare ridotta a un quinto di quella degli operai?

previous arrow
next arrow
Slider

Il presidente del Parlamento Europeo, evidentemente, ignora che cosa fu l’Holodomor che in  ucraino significa “Infliggere la morte”, riferendosi a quella carestia pilotata voluta da Stalin per poter vendere il grano ucraino all’estero e importare, così, valuta preziosa, invece di destinarlo al consumo interno, nel periodo 1932/1933. Tale criminale progetto fece, tra l’Ucraina, il Kazakistan e il Caucaso del Nord, più di dieci milioni di morti per fame. E non siamo noi a sostenerlo ma una risoluzione dell’ONU del 2003 e, il 23 ottobre del 2008, di quel Parlamento Europeo del quale Sassoli è (sic!) presidente, e il papa nell’Angelus del 26 novembre 2017.

«Senza l’impegno e sacrificio dell’Unione Sovietica»? Ma dove vive questo Sassoli, la II Guerra Mondiale scoppiò proprio per la diretta responsabilità dell’Unione Sovietica la quale, il 1° settembre del 1939, invase da Est la Polonia mentre Hitler la faceva a pezzi avanzando da Ovest. Come se non fosse abbastanza aver cooperato allo scatenamento di una guerra globale, Stalin ordinò al NKVD di fare la pulizia etnica degli Ufficiali e dei dirigenti Polacchi a Katyn. La Russia comunista tanto cara a Sassoli scelse il campo Alleato soltanto quando Hitler cambiò idea e tentò di invaderla nel 1941.

Per quanto, invece, l’impegno delle «… formazioni partigiane comuniste», ricordiamo che esse non furono soltanto comuniste e, in termini operativi, influirono poco o niente sugli eventi militari di portata mondiale che si svolsero nel nostro Paese nel biennio 19431945  col sacrificio della vita di 320.000 combattenti Alleati, a fronte dei quali i 40.000 caduti tra civili e militari italiani della Resistenza furono una goccia nel mare, anche se la liturgia della sinistra  italiana continua a vendercela in altro modo.

E, infine, a proposito del contributo che la Russia comunista avrebbe dato al realizzo della «… più straordinaria avventura di pace e democrazia che si chiama Unione Europea», ricordiamo a Sassoli che la Russia comunista avversò grandemente la nascita di quella che all’epoca si chiamava Comunità Economica Europea, perché la riteneva l’interfaccia economica della NATO.

Signor Sassoli, lei è pure un giornalista …, faccia un piacere a se stesso, si eviterà brutte figure in futuro: prima di sparare castronerie vada a consultare almeno Wikipedia.

È gratis.

Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Next Up