LOADING

Type to search

Home Notizie Principali Top News Vignette

Papa Bergoglio, condottiero senza saperlo

Share
papa Bergoglio
La Chiesa, pacifista per definizione, pare voglia dare una lezione di dinamismo costruttivo ai pacifisti dell’inverosimile rassemblement messo insieme da Letta, ovvero i dioscuri Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli, quest’ultimo un Verde riesumato di recente da chissà dove. Costoro, infatti, assieme al M5S di Conte e con l’incoerente fiancheggiamento di Salvini, sono gli oppositori degli aiuti che l’Italia sta inviando agli ucraini per aiutarli a difendersi dall’aggressione russa

– Enzo Ciaraffa –

Dopo molti tentennamenti, dovuti evidentemente alla sua oggettiva e difficile posizione d’istituzione religiosa universale e trasversale, qualche giorno fa la Chiesa di Roma, per bocca del segretario di Stato il cardinale Pietro Parolin, ha preso una (abbastanza) chiara posizione sull’aggressione russa all’Ucraina: «…non mi pare corretto chiedere all’aggredito di rinunciare alle armi e non chiederlo, prima ancora, a chi lo sta attaccando». Come dire che in un solo colpo, oltre le mura leonine, hanno riscoperto la Bibbia e il Vangelo, testi ritenuti sacri, che sulla difesa dell’uomo e dei popoli prevedono doveri piuttosto impegnativi per i credenti cristiani.

A riguardo del Vangelo, bisogna aggiungere che l’esortazione di Gesù a porgere l’altra guancia ai propri nemici, più che un precetto, è un invito a vivere pacificamente e che, per libera scelta, per sublimare la sofferenza i cristiani possono anche rinunciare a un diritto come quello sacrosanto dell’autodifesa e votarsi al martirio. Ma, poi, un po’ anche paradossalmente in verità, sul cristiano incombe il dovere di difendere le vittime di violenze e ingiustizie come per esempio quelle di un’aggressione militare, sennò commetterebbe un’azione riprovevole secondo il catechismo e lo stesso papa, per il quale “…l’indifferenza verso la sofferenza è il più grande dei peccati dell’uomo”.

Ebbene, non trovate che, fatta la tara sullo stile curialesco di Parolin, la Chiesa abbia iniziato a dire le medesime cose che Salvini e Giorgia Meloni andavano dicendo fino a ieri, e cioè che la difesa è sempre legittima? A questo punto verrebbe davvero da mettersi a ridere.

Perché?

Perché la Chiesa, in questo modo, finirà col dare una lezione di dinamismo costruttivo ai pacifisti un tanto al chilo dell’inverosimile rassemblement elettorale messo insieme da Letta, ovvero i dioscuri Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli, quest’ultimo un Verde riesumato di recente da chissà dove. Costoro, infatti, assieme al M5S di Conte e con l’incoerente fiancheggiamento di Salvini, sono gli oppositori degli aiuti che l’Italia sta inviando agli ucraini per aiutarli a difendersi dall’aggressione russa e, chiaramente i primi e sotto sotto Salvini, sono anche nemici della Nato e dell’Unione Europea.

Ma che cosa sta succedendo in questo Paese dove la Chiesa, pacifista per definizione, è diventata all’improvviso guerrafondaia, mentre coloro che ancora sognano la lotta di classe e la dittatura del proletariato sono diventati miti agnellini assieme a colui che voleva armare perfino i benzinai per difendersi dalle rapine?

È successo, secondo noi, che le gerarchie della Chiesa abbiano iniziato a svegliarsi dal torpore mondialista (che è cosa ben diversa dall’essere ecumenista) nel quale li aveva precipitati papa Bergoglio e che abbiano capito qual è, agli albori nel XXI secolo, il loro destino e missione: o la Chiesa si salva assieme all’Occidente e ai suoi valori civili – gli stessi in gioco in Ucraina – o periranno insieme, schiacciati dal nuovo, mortifero direttorio mondiale che va costituendosi con Cina, Russia, Iran e India. L’Iran, in particolare, per l’Occidente costituisce un doppio pericolo, perché è una teocrazia oscurantista che si sta dotando della bomba atomica e usa rapportarsi al nostro libero pensiero a suon di fatwe, di taglie e di accoltellamenti, come sta drammaticamente a dimostrare l’attentato allo scrittore Salman Rushdie da parte di un fanatico iraniano ieri a New York.  

E la linea del Piave per raffrenare l’offensiva (che per adesso è soltanto economica) di questo pericolosissimo quartetto deve andare, per forza di cose, da Washington all’oltre Tevere, perché è là che sono attestate le due forze che hanno armi ancora più potenti di loro, per quanto un po’ spuntate da sottovalutazioni e marchiani errori recenti: la democrazia e una fede religiosa che – anche un onesto non cristiano deve ammetterlo – in duemila anni si è interrogata in ben 21 concili ecumenici, da quello di Nicea al Vaticano II.

Alla luce di quanto sopra, diventano perfino grotteschi il pacifismo e l’anti atlantismo di alcune moschelle italiche che, almeno fino al 25 settembre, ronzeranno intorno alla montagna di merda che ha iniziato a produrre una campagna elettorale nemmeno ufficialmente iniziata.

*Copertina di Donato Tesauro

Potrebbe interessarti anche Ucraina, un ex osservatore Onu fa le pulci ai report di Amnesty

Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Next Up