LOADING

Type to search

Estero Top News

Rousseau sbarca in America

Share
In vista delle prossime elezioni presidenziali i democratici americani, i fratelli di sangue dei piddini nostrani, hanno intrapreso un fitto tiro di sbarramento contro il candidato repubblicano uscente Donald Trump, per il quale hanno addirittura avviato la procedura dell’impeachment, fondandola su di una sua telefonata al presidente ucraino, uguale e contraria a quella che aveva fatto il loro candidato Joe Biden qualche anno prima
– Enzo Ciaraffa –

Il filosofo Jean-Jacques Rousseau, al quale i grillini hanno dedicato la loro piattaforma cosiddetta consultiva, fu colui che maggiormente aveva contribuito al mito del “selvaggio buono”, anche se, più che buono o cattivo, il selvaggio lo aveva immaginato semplicemente incorrotto dalle costumanze e ipocrisie della “civiltà”. Rousseau elaborò questo pensiero sull’onda delle romantiche descrizioni che arrivavano in Europa con i diari degli esploratori (e colonizzatori) dei Paesi africani, dei Mari del Sud e del continente americano, dove l’ingenuo pellerossa si prestava in modo particolare a certe semplificazioni letterarie.

In vista delle elezioni presidenziali del 2020, i democratici americani, i fratelli di sangue dei piddini nostrani, hanno intrapreso un fitto tiro di sbarramento contro il candidato repubblicano uscente Donald Trump, per il quale hanno addirittura avviato la procedura dell’impeachment, fondandola su di una sua telefonata all’attuale presidente ucraino, Zelens’kyj. Nel colloquio telefonico incriminato Trump avrebbe chiesto al suo omologo dell’Est di adoperarsi per far aprire un’inchiesta sul probabile candidato democratico e suo rivale nella prossima corsa alla Casa Bianca, Joe Biden, e sul figlio, ex dipendente della società ucraina di gas naturale “Burisma”.

Ha detto la sua a tal proposito anche la Boldrini americana, Hillary Clinton, inaspettatamente battuta dal Tycoon alle passate elezioni, la quale lo ha velenosamente definito un tornado umano corrotto. Ma Hillary non è la consorte di quel presidente americano che rischiò l’impeachment per essere stato un tornado umano vizioso (e quindi corrotto almeno nella morale) sotto le scrivanie della Casa Bianca? Monica Lewinsky se ci sei batti un colpo!

Tra l’altro nel 2016, in veste di vice presidente di Barack Obama, Joe Biden chiese alla presidenza ucraina Porošenko di far licenziare il magistrato che aveva aperto un’indagine sulla predetta “Burisma” che aveva sul proprio libro paga suo figlio Hunter…  che volete, anche per i democratici americani “E figl so’ piezz ‘e còre!”.



Approfittando della ghiotta occasione di poter gettare un po’ di sterco sul loro debordante presidente, i media d’oltreoceano (al 90% contrari a Trump), i diversi comitati repubblicani, democratici ed associazioni subito sorti come funghi, hanno attivato un profluvio di piattaforme – sul modello della Rousseau grillina –  sulle quali gli americani potranno dire la loro in difesa o contro il Donald più famoso al mondo dopo Donald Duck, Paperino.


Anche il “selvaggio buono” d’America, dunque, ha preso il vizietto di ricorrere alla piattaforma digitale per poter irreggimentare idee e consensi? Peggio per lui, speriamo soltanto che adesso non si metta anche in testa di voler copiare fino in fondo i grillini nostrani i quali, immaginiamo, vogliano mantenere l’esclusiva sul prototipo del modello di “piattaforma signorsì”, quella che qualsiasi cosa essi facciano dice sempre le cose che il gestore vuol sentirsi dire. Ad esempio, la Rousseau grillina non si è mai interrogata su che fine abbia fatto l’inchiesta sulla violenza sessuale di gruppo che ha coinvolto il figlio di Grillo nella villa del medesimo a Porto Cervo che – ma è certamente un caso! – è anche il padre putativo del governo in carica.

Peccato che gli americani si siano anch’essi ingrilliti (ma forse sarebbe meglio dire ingrulliti…), delle loro dispute elettorali, a partire dalle primarie, ci piaceva soprattutto il clima, gli spettatori e lo spirito da sfida all’O.K. Corral che le animava. Adesso, invece, se tutto andrà bene essi dovranno abbeverarsi alla scialba verità del politicamente corretto, cioè manipolata, delle varie piattaforme le quali – come in Italia – si accapiglieranno per lo zero virgola qualcosa mentre il Paese starà vivendo la più grande e divisiva crisi morale, politica e sociale della sua storia.

Ben arrivato in America Rousseau.

Vignetta di “Officina Tesauro” )
Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Next Up