LOADING

Type to search

Tra il serio e il faceto

Home

Tra il serio e il faceto

Share

Il grande fratello orwelliano ormai è entrato nei cestini della spazzatura dove, probabilmente, sono finiti i residuali diritti dei lavoratori italiani

– La redazione –

question-mark-2546103_1920L’azienda municipalizzata del Comune di Livorno ha dotato i locali netturbini di braccialetti elettronici privi di Gps non idonei, pertanto, a controllare gli spostamenti e la produttività dei lavoratori. Hanno la sola funzione di controllare che essi svuotino i 2.500 cestini della spazzatura della città. A questo proposito è subito insorta la Cgil – Funzione pubblica perché questi braccialetti lederebbero la dignità dei lavoratori.

Oddio, conveniamo che come controllo di prestazione lavorativa a Livorno potevano anche inventarsi qualcosa che non rassomigliasse al grande fratello orwelliano. Anche se dobbiamo dire che l’azienda municipalizzata livornese è dovuta ricorrere a tali controlli perché non tutti i cestini venivano regolarmente svuotati.

E, comunque, a questo sindacato, solerte ad orologeria e che ha assistito da inane spettatore alla cancellazione dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, avremmo suggerito di adottare come forma di protesta una tradizione presa in prestito dall’antico egyptian-1822038_1920Egitto. Che era questa: un generale vincitore veniva gratificato dal faraone in base al numero delle ceste di mani tagliate di nemici che gli recava in dono.

Siccome ogni mondo è paese, per implementare la generosità regale, alcuni generali “gonfiavano” le loro eroiche imprese tagliando le mani anche alle donne. Quando, però, il faraone se ne accorse, dei nemici uccisi in battaglia non pretese più le mani ma l’inequivocabile testimonianza che essi fossero tutti maschi, come dire il … bigolo.

Ecco la Cgil livornese come protesta poteva portare ai dirigenti della municipalizzata i cestini della città.

Pieni di bigoli anch’essi?

No, per carità, soltanto di monnezza.

Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Next Up