LOADING

Type to search

Territorio Top News

Una poesia che viene da lontano

Share
Per fustigare i costumi degli italiani, ma soprattutto i loro malcostumi, con l’antica mordacità del popolo romano, Sergio Garbellini parte da molto lontano, da dove lasciarono Trilussa, Pascarella e Belli anche se, a differenza dei primi tre, i suoi strali poetici sono più calati nella realtà dei tempi
***

Fino ad oggi avevamo conosciuto soltanto tre poeti che si erano cimentati in versi dialettali, nel loro caso il dialetto romanesco: Pascarella, Trilussa e il Belli. A questi se n’è aggiunto un quarto senza che me ne accorgessi. Sto parlando del poeta e scrittore Sergio Garbellini, uno spirito eletto che ha subito la fascinazione di molti luoghi e culture: di famiglia veneta, nato a Roma, vive stabilmente in Abruzzo.

Eppure, nonostante questo peripatetico fluire esistenziale, i versi di Sergio Garbellini hanno conservato la mordente saggezza della città natia, quella che, anche quando sfortunato con le donne, un romano non va facilmente in depressione, né se la prende col mondo intero ma, semmai, invia un salace pensierino al dio dell’amore: “A’ Cupido, li mortacci tua, cambia mestiere!».

Dunque, non poteva che essere il “romanaccio” Sergio Garbellini ad affrontare, in chiave poetica e satireggiante, i diversi problemi della vita di coppia, col libro Le mie poesie di storie satiriche. Oddio, a volere elencare tutti i suoi libri o tentare di commentarne le poesie non basterebbe un anno. Egli, infatti, vanta una prodigiosa produzione letteraria che si compone di trentadue libri dedicati prevalentemente alle problematiche muliebri, seimila liriche e sessantaquattro canzoni. D’altronde, per apprezzare la fertilità della sua vena lirica basta andare sul link www.sergiogarbellini.com .

Questo mese abbiamo scelto di pubblicare la poesia, sempre in dialetto romanesco, Er Padreterno è diventato triste, perché con essa Sergio Garbellini, per fustigare i costumi (e i malcostumi) degli italiani, parte da lontano, da dove lasciarono Trilussa, Pascarella e Belli: «’Sto monno è pieno de’ pidocchi umani / che pensano sortanto ar conto ‘n banca / e qualche vòrta allungheno le mani / pe’ prènne pure quello che je manca!».

La differenza con i suoi illustri predecessori? Sergio Garbellini è più calato nella realtà del suo tempo.

Er Padreterno è diventato triste

(Anche Dio s’è accorto d’aver sbagliato!)
Me so’ sognato d’esse er Padreterno
e stufo a tene’ d’occhio er Paradiso,
er Purgatorio, er Limbo co’ l’Inferno,
so’ sceso sulla Tèra a fa’ ‘n soriso
A sei miliardi e passa de abitanti
che vivono la vita da nemici…
…li strozzerei, davéro, tutti quanti
…nun fanno gnente pe’ sentisse amici!
‘Sto monno è pieno de’ pidocchi umani
che pensano sortanto ar conto ‘n banca
e qualche vòrta allungheno le mani
pe’ prènne pure quello che je manca!
Me so’ sbajato quanno l’ho creato
‘sta specie d’òmo che s’atteggia tutto,
perché se sente d’èsse’ già arivato
e, invece, nun s’accorge ch’è distrutto!
Je devo fa’ er lavaggio der cervello
e mette ‘n po’ de miele drento ar còre,
perché sinnò l’amore pe’er fratello
rimane un bene che nun c’ha valore!
Se vede che quer giorno ero nervoso
e nun so’ stato attento ai sentimenti,
adesso l’òmo è strano, è permaloso,
nun crede a gnente, è senza sacramenti!
Me sembra ‘n’animale inviperito
ch’è stato chiuso drento a quella gabbia,
‘ndove nun se sente riverito
e nun riesce de smarti’ la rabbia!
La donna de ‘sti tempi, s’è svejata
è riuscita a conquista’ er diritto
che je spettava in epoca passata,
dell’uguajanza messa pe’ iscritto!
Però nun vedo ‘n’ombra de rispetto,
tra poveri e ricchi c’è ‘n’abisso,
nun c’è più fede, nun c’è più l’affetto,
‘sto monno è messo male, …è crocifisso!
… Adesso me ne torno in Paradiso
e da domani, ogni nascituro
c’avrà la vita sempre cor soriso,
cor còre bòno, dorce e meno duro…!
Me so’ svejato drento ar letto mio,
cor petto tronfio… ma nun ero Dio…!

Nella foto in evidenza: Sergio Garbellini assieme all’umorista, cantante e attore milanese Gino Bramieri

Tags:

You Might also Like

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Related Stories

Next Up